Tende per la casa: consigli utili per quali scegliere

Tra i complementi d’arredo più incisivi nel design degli interni (qui invece trovi anche come scegliere le tende da sole per balcone e giardino), troviamo senza dubbio le tende, elementi molto rilevanti nel living come in camera da letto, e persino in cucina dove riescono ad infondere un senso di pulizia, ordine e completezza nell’arredamento.

Infatti, chi le considera un particolare di second’ordine, sottovaluta il fatto che qualunque parete in un appartamento viene animata proprio da una tenda che, peraltro, ha anche il vantaggio di metterci al riparo dal mondo esterno, garantendoci intimità lontano da occhi indiscreti nell’ambito della nostra abitazione. E’ bene quindi ponderarne la scelta, naturalmente considerando le due priorità essenziali da tenere presente nell’acquisto, vale a dire eleganza e funzionalità.

Vediamo allora qualche utile suggerimento per scegliere la tipologia di tenda più appropriata per ogni zona dell’appartamento.

Il living e il salotto

Senza dubbio la camera, o le camere, per chi ha la fortuna di avere ampi spazi, più eleganti ed esposte di tutta la casa: per questo, le tende devono essere adeguate, prediligendo tessuti e colori preziosi e particolari. E’ possibile, per esempio, osare con il velluto, non tanto per creare un ambiente teatrale o particolarmente pomposo, ma per regalare un’anima importante, perfetta sia con arredamento moderno che classico, meglio se con colori pastello, tenui, che enfatizzano le onde del tessuto così elegante.

Anche in un eventuale loft o open-space, ultimamente molto di tendenza, un tendone importante, magari “en pendant” con il tessuto del divano, o con i cuscini del suo arredamento, riesce a creare un’armonia di stile e, quasi, di design, giocando un po’ con i colori e le dimensioni delle stoffe.

La cucina

La stanza dove si vive di più, il regno indiscusso di ogni padrona di casa, ma non solo, diventa perfetta se corredata da tende a pacchetto, essenziale “ingrediente” (visto dove ci troviamo, è proprio il caso di definirlo così!) per un ambiente che deve unire funzionalità a freschezza e pulizia, regalando però anche un pizzico di intrigante romanticismo, specie utilizzando tessuti naturali, come il cotone grezzo, scegliendolo nelle tonalità simili ai mobili dell’arredamento culinario.  In questo caso, è d’obbligo, oltre allo stile, unire la pratica maneggevolezza, in quanto questo genere di tenda è molto pratica da alzare e abbassare, donando un elegante colpo d’occhio all’ambiente.

Il bagno

Uno stile retrò per una tenda da bagno in lino, con pizzi e merletti, magari fissata da una martingala, la bordura che la trattiene ai ganci e che le dona un’ulteriore motivo di eleganza. Questa può essere un’ambientazione ideale per un bagno arredato in stile classico, magari con uno specchio antico o i rubinetti lavorati. Se, al contrario, l’arredamento fosse moderno, allora si potrebbe optare per una tenda a pannello, forse più trasparente ma allo stesso modo molto elegante, capace di creare una linea minimal piacevole e particolare.

La zona notte

La tenda più riservata, magari come nei grandi alberghi con doppio drappeggio, per “nascondersi” agli occhi del mondo nei momenti più intimi… scherzi a parte, l’imponenza di una tenda importante ben si sposa anche con la necessità di un’oscurazione particolare, specie per chi ama riposare senza spiragli di luce che filtrano dalle persiane. In caso di scelta per questo duplice tendaggio, sarà determinante sceglierne uno pesante e scuro, oppure rivolgersi ad aziende come Mefitende che si occupano della realizzazione di tende oscuranti.